Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Hotel, per molte piccole strutture è tempo di asta

Aria di crisi nel segmento di hotel di piccole e medie dimensioni in Italia. E’ aumentato infatti del 21% in sei mesi il numero delle strutture che vanno all’asta, segno che la situazione si fa difficile per le realtà imprenditoriali di dimensioni contenute. Secondo l’ufficio studi Sogeea quindi le procedure in corso che riguardano alberghi, bed and breakfast, motel, campeggi e simili sono 217, a fronte delle 179 rilevate nel luglio 2016.

A trainare l’impennata sono soprattutto il Sud (+50% rispetto alla scorsa estate) e il Nord (+41%), di fatto tornato ai livelli di dodici mesi fa; più contenuto l’incremento in Sicilia e Sardegna (+17%), mentre il Centro della Penisola è l’unica macro-area ad aver fatto registrare un lieve calo (-6%).

Ecco perché alcuni alberghi, quelli che possono contare su charme e location, cercano alleanze e network che possano promuoverli per competere in un mondo sempre più globale e nel quale il cliente diventa sempre più esigente. E cercano anche di crescere di dimensioni.

“Il 55% dei complessi turistico-ricettivi attualmente all’asta ha un prezzo inferiore al milione di euro – spiega Sandro Simoncini, presidente di Sogeea -, una quota del mercato in linea con quella rilevata nello studio di luglio 2016 e pressoché costante in tutte le serie storiche. Ovviamente anche la crescita del numero assoluto di strutture in difficoltà non può che preoccupare”.